Giano


  • |Giano 9:1| passando vide un uomo ch’era cieco fin dalla nascita.

  • |Giano 9:2| i suoi discepoli lo interrogarono, dicendo: Maestro, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?

  • |Giano 9:3| rispose: Né lui peccò, né i suoi genitori; ma è così, affinché le opere di Dio siano manifestate in lui.

  • |Giano 9:4| che io compia le opere di Colui che mi ha mandato, mentre è giorno; la notte viene in cui nessuno può operare.

  • |Giano 9:5| sono nel mondo, io sono la luce del mondo.

  • |Giano 9:6| questo, sputò in terra, fece del fango con la saliva e ne spalmò gli occhi del cieco,

  • |Giano 9:7| gli disse: Va’, làvati nella vasca di Siloe (che significa: mandato). Egli dunque andò e si lavò, e tornò che ci vedeva.

  • |Giano 9:8| i vicini e quelli che per l’innanzi l’avean veduto, perché era mendicante, dicevano: Non è egli quello che stava seduto a chieder l’elemosina?

  • |Giano 9:9| uni dicevano: E’ lui. Altri dicevano: No, ma gli somiglia. Egli diceva: Son io.

  • |Giano 9:10| essi gli domandarono: Com’è che ti sono stati aperti gli occhi?
Prossimo Capitolo 10


COOKIES

Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore, migliorare le prestazioni, analizzare come interagisci sul nostro sito Web e personalizzare i contenuti. Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie.

Dati Essenziali

I dati essenziali sono necessari per eseguire il sito Web che stai visitando. Non puoi disabilitarli.